Legge elettorale: Librandi, proteste solo per strategia politica

giovedì, 12 ottobre 2017 - Categoria: Stampa

(ANSA) – Roma, 11 ott 2017

“Porre la fiducia sulla legge elettorale e’ un atto obbligatorio, non possiamo lasciare il paese in stallo e darla vinta a chi vuole solo affossare ogni proposta per pura strategia politica. Il Movimento 5 stelle ora protesta e chiede il proporzionale, ma hanno rifiutato solo pochi mesi fa il tedesco, che era proporzionale. Questo che significa? Che dobbiamo agire a prescindere dalle finte proteste dei nostri avversari se vogliamo portare a termine qualche riforma, e noi vogliamo farlo, perche’ ce lo chiede il presidente della Repubblica ma soprattutto perche’ ne ha bisogno il paese”. Lo afferma Gianfranco Librandi (Partito Democratico).

 

#LeggeElettorale #Rosatellum #Fiducia

Related posts

Legge elettorale: Librandi, scriverla tutti insiemeLegge elettorale: Librandi, bene svecchiamento Renzi, ma attenzione a voto anticipatoLegge elettorale: Librandi, proposta Rosato e’ un buon modelloLegge elettorale: Librandi, serve accordo trasversale per l’ItaliaLegge elettorale: Librandi, no al maggioritarioLegge elettorale: Librandi, no a colpi voti in interesse qualcunoLegge elettorale: Librandi (Ci), Paese ha bisogno di responsabilitàRai Parlamento – Settegiorni: Banche, scuola, legge elettorale, turismo, salute e prevenzioneLegge elettorale: Librandi, proporzionale modello a cui ispirarsiLegge elettorale: Librandi (Ci), non è affare da sbrigare al NazarenoLegge elettorale: Librandi, concentrarsi su lavoro e crescitaLibrandi: su legge elettorale fare presto modifiche, ma beneItalicum: Librandi, fondamentale suo passaggio a CamereLegge elettorale: Librandi (CI), tutti vogliamo votare, ma farlo con responsabilita’Italicum: Librandi, allineare leggi Camera e SenatoLegge elettorale: Librandi (CI), no a modelli confezionatiLegge elettorale: Librandi, dopo Consulta stop alibi per politicaLibrandi: bene Renzi non più fautore urne anticipateJobs Act: Librandi, Consulta riconosce solidita’ riformaLibrandi: un errore il voto anticipato, prevalga responsabilità