Legge elettorale: Librandi, serve accordo trasversale per l’Italia

lunedì, 15 maggio 2017 - Categoria: Stampa

“Possibilità anche a chi vuole organizzare nuovo partito”

(DIRE) Roma, 14 mag 2017

“Serve una legge elettorale che garantisca rappresentativita’ e governabilita’. Le diverse forze politiche, soprattutto i grandi partiti, dovrebbero pero’ fare uno sforzo maggiore per trovare un accordo che vada bene non tanto al singolo partito, quanto all’Italia. La priorita’ dev’essere quella di creare una legge che dia stabilita’ al prossimo governo. E anche la possibilita’ a chi vuole organizzare un nuovo partito di farlo nel rispetto della democrazia e della rappresentanza”. Lo dice Gianfranco Librandi, deputato di Civici e Innovatori.

 

#Elezioni #LeggeElettorale #Democrazia

Related posts

Legge elettorale: Librandi, proposta Rosato e’ un buon modelloLegge elettorale: Librandi, no al maggioritarioLibrandi: bene Renzi non più fautore urne anticipateLegge elettorale: Librandi, non esistono modelli preconfezionatiLibrandi (Sc): patto repubblicano su Italicum se salta NazzarenoFrancia: Librandi, forza Macron. Anche qui battere sovranistiLegge elettorale: Librandi, cittadini conoscano biografia candidatiLegge elettorale: Librandi, no a colpi voti in interesse qualcunoLegge elettorale: Librandi (Ci), Paese ha bisogno di responsabilitàRai Parlamento – Settegiorni: Banche, scuola, legge elettorale, turismo, salute e prevenzioneLegge elettorale: Librandi, proporzionale modello a cui ispirarsiLegge elettorale: Librandi (Ci), non è affare da sbrigare al NazarenoLegge elettorale: Librandi, concentrarsi su lavoro e crescitaLibrandi: su legge elettorale fare presto modifiche, ma beneItalicum: Librandi, fondamentale suo passaggio a CamereLegge elettorale: Librandi (CI), tutti vogliamo votare, ma farlo con responsabilita’Italicum: Librandi, allineare leggi Camera e SenatoBrexit: Librandi (CI), da Corte Londra lezione di democraziaLegge elettorale: Librandi (CI), no a modelli confezionatiLegge elettorale: Librandi, dopo Consulta stop alibi per politica